Qualcuno avverta gli USA che la Finlandia non è in Russia

obama

 

Nella nuova blacklist redatta dalle autorità USA contro la Russia a seguito della crisi ucraina sono finiti 2 imprenditori finlandesi: Petteri Salolainen e Roman Rotenberg. Helsinki vuole chiarimenti da Washington.

Il ministro degli Esteri della Finlandia Timo Soini si aspetta che gli Stati Uniti forniscano spiegazioni per il fatto che 2 cittadini finlandesi siano finiti nella lista delle sanzioni antirusse di Washington.

Soini rileva che la ratio di questa decisione è “una questione privata degli Stati Uniti”. Tuttavia aggiunge che “le motivazioni delle sanzioni interessano il ministero degli Esteri finlandese e gli stessi cittadini colpiti dalle misure afflittive.”

Nella nuova blacklist antirussa degli Stati Uniti sono finiti 2 imprenditori finlandesi, Roman Rotenberg e Kai Paananen, e 4 società finlandesi: “Långvik”, “Airfix Aviation”, Petrochemicals e Southeast Trading.

Secondo Timo Soini, le sanzioni non violano i principi giuridici degli Stati Uniti, su cui la Finlandia non ha pretese. Tuttavia il ministro si chiede perché la lista sia stata redatta in questo modo e quali siano le implicazioni per la Finlandia.

Soini ha anche detto che il dicastero della diplomazia finlandese aveva in precedenza messo in guardia dalla possibile imposizione di nuove sanzioni.

Petteri Salolainen, deputato del partito “Coalizione Nazionale”, chiede che la questione venga dibattuta presso la commissione Esteri del Parlamento della Finlandia.

Soini ha osservato che le sanzioni non hanno conseguenze dirette per la Finlandia.

L’imprenditore finlandese Kai Paananen, il cui nome è sulla lista delle sanzioni degli Stati Uniti, ha parlato con il quotidiano finlandese Helsingin Sanomat.

“Alla fine è piuttosto strano che un cittadino finlandese venga colpito dalle sanzioni. Non ho arrecato alcun danno agli Stati Uniti. Penso che sia un insulto, dal momento che rispondo solo delle esportazioni finlandesi all’estero. Sulla questione devono far luce le autorità,” — ha detto Paananen.

it.sputniknews.com



   

 

 

1 Commento per “Qualcuno avverta gli USA che la Finlandia non è in Russia”

  1. Gli USA stanno diventando ciechi per la rabbia, adesso se la prendono con la Finlandia, roba da matti, ma più pazzi sono la UE compreso gli Italiani che eseguono gli ordini dati dagli Usa e come per far dispetto alla moglie si tagliano il mi fermo qui non perché non voglio dirlo quello che si tagliano, ma perché non possono tagliarselo perché non c’è l’hanno.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -