La Turchia intensifica i bombardamenti sui Curdi

 

 

(EURONEWS) Dalle basi dell’aviazione turca parte in queste ore quella che secondo diverse fonti è la più pesante offensiva contro le postazioni del Pkk dall’inizio dei bombardamenti, venerdì scorso.

La linea dura della Turchia del Presidente Recep Tayyip Erdogan contro i militanti curdi, avviata con finezza strategica in contemporanea all’offensiva contro l’Isis, procede sia sul piano militare che su quello politico.

Subito prima di partire per la Cina infatti Erdogan ha auspicato che i deputati del partito filo-curdo Hdp paghino la loro (presunta) connivenza con i militanti del Pkk con la revoca dell’immunità parlamentare.

Una minaccia che ha lo stesso fragore delle operazioni militari in corso nel Nord dell’Iraq, operazioni per le quali Ankara ha incassato l’appoggio verbale della Nato. Ma alla minaccia il leader dell’Hdp Selahattin Demirtas ha risposto con la sfida: oggi saranno gli stessi eletti del partito a rinunciare all’immunità.

La dichiarazione della Nato di appoggio ad Ankara a conclusione del vertice di Bruxelles richiesto dalla stessa Turchia aumenta in un certo senso il margine di manovra del governo di Ankara.

Renzi chiama Erdogan: “Pieno sostegno alla Turchia”

Secondo l’interpretazione del vicario apostolico di Aleppo Georges Abou Khazen il timore è “che i turchi vogliano combattere i curdi con la scusa dell’Isis. Se è una lotta contro l’Isis va bene, ma se è una scusa per combattere i curdi e aumentare la confusione e la violenza, allora non è un segnale positivo. Sappiamo bene che la Turchia ha permesso ai militanti dell’Isis di entrare, armarsi e addestrarsi”.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -