Marocco: gang armate di coltelli e machete aggrediscono persone indifese

ROMA – E’ un fenomeno inatteso e che per questo sta scuotendo il Marocco quello che vede bande giovanili che, armate di coltelli e machete, aggrediscono persone indifese spesso per rapinare, ma anche solo per attuare un folle esercizio di violenza gratuita.

marocco-gang

 

Ma a preoccupare veramente la gente è che le indagini della polizia – che ha messo in guardina i componenti di una banda che venerdì ha fatto una scorreria tra i bagnanti di una affollata spiaggia vicino a Rabat – hanno accertato che i componenti della gang non sono ragazzi di periferie emarginate ed a rischio, ma studenti di istituti superiori, alcuni dei quali anche con un ottimo rendimento scolastico.

Una cosa che sta ponendo seri interrogativi perchè questi ragazzi, che non sembrano temere le conseguenze delle loro azioni, appaiono come ‘conseguenza’ di un travaglio interiore e non invece, per come accade per altri mini-delinquenti, di un’eredità per così culturale o del bisogno.

Ma, come sottolinea oggi il sito Yabiladi, queste improvvise e inspiegabili esplosioni di gratuita violenza non sembrano interessare troppo i media che si limiterebbero soltanto a riferire degli episodi di microcriminalità, senza spiegare o cercare di interpretarle o comunque mostrare particolari preoccupazioni. Probabilmente in questo molto deve essere attribuito all’impegno delle forze di sicurezza nazionali nella lotta quotidiana al terrorismo islamico, che, con centinaia di arresti, si cerca di disinnescare già al suo primo manifestarsi.

Insomma, per quel che si può capire, in una scala di priorità, la scelta delle forze di sicurezza è quella di spendersi al massimo contro coloro che cercano di minare alla base il Regno, limitandosi per il resto ad azioni di contenimento.

C’è poi da aggiungere che se la polizia interviene tempestivamente dopo (come accaduto per l’assalto alla spiaggia di Rabat ed ai successivi arresti) la cosa veramente difficile è prevenire questi episodi perchè le azioni delle gang sono totalmente al di fuori di uno schema. Per cui, se l’altro giorno ad essere stati rapinati (e feritihanno tentato di resistere) sono stati dei bagnanti, in altre circostanze il bersaglio sono stati i passeggeri di un autobus, spogliati di portafogli e telefoni cellulari.

(di Diego Minuti)  ansamed



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -