Francia, picchiata da cinque musulmane perché prende il sole in bikini

bikini

 

Picchiata mentre è al parco a prendere il sole perché il bikini ere troppo succinto. È accaduto qualche giorno fa a Reims, in Francia, dove una ragazza, Angelique Slosse, è stata aggredita da cinque musulmane che l’accusavano di non avere un abbigliamento adeguato al pubblico pudore e le hanno intimato di rivestirsi. Angelique si è rifiutata di obbedire a questo nuovo tipo di “polizia religiosa” improvvisata e ha reagito alle accuse.

Le percosse alla ragazza sono talmente forti che la poveretta finisce in ospedale. Sono intervenuti alcuni passanti per fermare le cinque donne islamiche, tutte di età compresa fra i 18 e i 24 anni. L’incidente ha scosso gli animi delle donne, che contro l’intolleranza religiosa e culturale hanno deciso di sfilare in costume proprio nel parco in cui la povera Angelique è stata pestata. Una protesta pacifica per far sentire la propria voce di donne occidentali.

Ovviamente i soliti cazzari filo-islamici si sono affrettati a sminuire l’accaduto e l’aggressione a sfondo religioso è stata spacciata per una “guerra tra bande”. L’autolesionismo è ormai alle stelle, con l’aiuto dei soliti xenofili affetti da inguaribili complessi di inferiorità.



   

 

 

1 Commento per “Francia, picchiata da cinque musulmane perché prende il sole in bikini”

  1. Io la colpa di fatti come questi la dò certo a chi li commette personalmente,ma molto di più a quei bastardi che li minimizzano o addirittura difendono coloro che li commettono,ovvero i cattocomunisti!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -