Cardinale Scola e Caritas, “piccoli gruppi di profughi in ogni parrocchia”

scola

 

Profughi in ogni parrocchia di Milano, a piccoli gruppi. E’ la proposta lanciata dal cardinale Angelo Scola, in visita a Casa Suraya per incontrare circa 100 profughi in prevalenza siriani. “Piccoli numeri all’interno di ogni singola realtà è la scelta più intelligente per mettere ordine a un fenomeno ormai strutturale“, ha spiegato il cardinale per illustrare la proposta, avanzata inizialmente dalla Caritas.

Si tratterebbe di utilizzare luoghi già a disposizione delle parrocchie (MAI MESSI A DISPOSIZIONE DEGLI ITALIANI SFRATTATI!!!, ndr), come case e appartamenti, lasciando a Caritas e alle cooperative gli oneri organizzativi. Il primo passo sarebbe quello di chiedere ai parroci e agli istituti religiosi se hanno a disposizione alloggi e luoghi idonei, il secondo passo quello di tenere incontri con gruppi di cittadini disponibili, “per spiegare – ha detto Scola – perché facciamo questo, che va verso il futuro della realtà milanese ed europea”.

1.140 parrocchie nella diocesi di Milano: un primo punto fermo per “una accoglienza sostanziale che eviti conflitti”, come ha aggiunto Scola, secondo cui occorre intervenire per spiegare che “non è vero che gli immigrati rubano il posto di lavoro agli altri. Il problema tragico del posto di lavoro è di altra natura ed è un problema strutturale dell’Europa e del nostro Paese”.

Alla domanda su cosa ne pensi delle politiche sul tema dell’immigrazione, e delle polemiche, Scola ha poi risposto che “ognuno ha il diritto di dare le sue ragioni e in una società plurale bisogna operare un confronto tra ragioni, augurandosi che vincano quelle migliori (che ovviamente sono quelle dei cattocomunisti filo-islamici, ndr). E’ anche un problema di sana comunicazione, che mira a dire le cose come stanno”.

Entrando poi più nel merito dell’accoglienza, questa secondo il cardinale è “affrontabile senza danno”, a patto di una “effettiva alleanza tra tutti, che coinvolga anche le famiglie e le persone“. Scola non condanna la paura, perché “il fenomeno dell’immigrazione incrocia una situazione di cambiamento in atto”, ma “la paura è una cattiva consigliera e porta dalla parte sbagliata”. Da un lato, quindi, occorre “spiegare ai cittadini la differenza tra rifugiati politici ed economici”, dall’altro un coordinamento diverso tra il ministero, le istituzioni e le prefetture.

“Davanti a chi sbarca dai barconi – ha concluso Scola – la prima risposta è quella del buon samaritano, poi ognuno deve assumersi il suo compito e quello delle istituzioni è di una politica europea”.

milanotoday.it



   

 

 

2 Commenti per “Cardinale Scola e Caritas, “piccoli gruppi di profughi in ogni parrocchia””

  1. ..Cari PretazzImam, i clandestini ospitateli tutti nel vostro Stato: la Città del Vaticano. Per quanto riguarda L’ Italia, in primis dovete pagare le tasse come tutti i poveri cristi, e poi con i vostri amici islamici-clandestini provvedete ad andare a piccoli o grandi gruppi a quel paese…da dove sono venuti gli amici clandestini.

  2. t CALDESTINI FINO AL 1850 SU UN CARGO BATTENTE QUALSIASI BANDIERA DI STATO;. NON AVENDO CARTE DI IMBARCO. NON FACENTE PARTE “ISCRITTO” DELL’EQUIPAGGIO- IL CAPO DI GIUSTIZIA ERA IL COMANDANTE . … PIù DELLE VOLTE ORDINAVA DI BUTTARLO A MARE ,. NON POTEVA ESSERE INCRI,IMATO, PERCHè ANONIMO IL CLANDESTINO, I
    IO NON DICO DI BUTTARLI A MARE . MA DI CACCIARLI AL LORO PAESE. O FANNO PARTE DI ELEMENTI DI UN DISEGNO “OSCURO” DEI POTERI OCCULTI NOSTRANI; PROPRIETARI DEL PARLAMENTO E SENATO.?

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -