Siria, donne curde al fronte: pronte a morire

 

(EURONEWS) Era una delle regioni più fertili e ricche di storia della Siria, la provincia di Al Hasakah, travolta dalla guerra civile, 3 anni fa, vede oggi al fronte anche le donne.

Molte imbracciano kalashnikov e causa nazionale, al fianco delle milizie curde che si battono contro l’Isil.

Su 40-50 mila combattenti curdi in Siria il 35% sono donne, stando a dati forniti dalle Unità di protezione popolare, il braccio armato del Partito politico curdo.

Dilbreen ha 17 anni, andare in guerra per lei era un dovere morale:

“Mi sono unita alle milizie YPJ volontariamente. Lo faccio per difendere curdi, arabi e cristiani. Difenderò il mio Paese e tutti coloro che che si battono per la sua salvezza”.

Sono tutte giovanissime e ci spiegano che in guerra non contano solo i muscoli e la forza fisica.

Çiçek , comandate di un’unità YPJ:

“L’uomo combatte usando la forza fisica, mentre la donna usa la testa.
La donna sa quando è il caso di usare le armi. Generalmente respinge l’uso della violenza. Ma siamo costrette a difenderci, siamo cresciute con questi pensieri. Quando l’Isis partirà, saremo in grado di ricostruire la nostra società politicamente, militarmente e civilmente”.

In attesa che la normalità torni, cercano di non dimenticare i gesti semplici di una quotidianità lontana.
In guerra, ci dicono, si cresce in fretta.

Zireena:

“A casa le ragazze si prendono cura di sé più di quanto possano fare al fronte.
Quando mi trovo in prima linea cambio radicalmente, sento decisamente tutta la responsabilità e capisco le cose diversamente”.

Prima di arruolarsi, molte ricevono una formazione militare di base, sanno di far parte di un movimento rivoluzionario e non di un esercito regolare.
Potrebbero non tornare a casa, ma la morte non le spaventa.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -