La Polonia non entrerà nell’Euro, almeno per ora…

 

Marek-Belka

di Fabio Lugano

Il governatore della Banca Centrale polacca, Marek Belka, in una intervista riportata dal Telegraph britannico, ha affermato che la Polonia non ha intenzione di entrare nella moneta unica, almeno sino a quando ci sarà “Del fumo nella stanza”, cioè sino a quando ci saranno dei problemi con alcuni paesi appartenenti all’area.

Lo stesso Belka ammette che la soluzione attuale della crisi greca è solo temporanea e che sarà necessaria una “Rimodulazione” del debito in futuro per renderla stabile, e che questa seconda fase arriverà, presto o tardi. Solo la soluzione della crisi ellenica e la dimostrazione della presenza di una forte base per l’euro permetterà una nuova spinta filo euro nei paesi del’est.

Belka è un ex funzionario del FMI e descrive anche il difficile ruole del FMI nella crisi greca. In parte le sue parole riflettono quelle di Varoufakis, ponendo in luce come la situazione Greca sia stata molto particolare per Washington, abituata a fornire soluzioni in solitaria, quando, nel caso specifico, è stata costretta a lavorare con BCE e UE. Varoufakis nella sua intervista poneva in luce come i vari creditori avessero visioni ed obiettivi diversi e questo avesse reso complessa l’identificazione di una soluzione.

Varoufakis rivela il Piano B e tutti i retroscena! (l’intervista doveva rimanere segreta)

Comunque, come abbiamo già scritto due settimane fa, la “Soluzione greca” generata dalle idee di Shaeuble, Djisselbloem e Merkel, ha già avuto il suo effetto sui paesi dell’est, togliendo loro qualsiasi euro-entusiasmo. A generare questo eurorico sentimento sono rimaste ormai solo alcune frange governative italiane , spagnole e francesi….



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -