La palestinese che frignava davanti alla Merkel: «Spero che Israele sparisca»

Le sue lacrime hanno fatto il giro del mondo, quando Reem Sahwil, 14enne rifugiata palestinese aveva chiesto di poter rimanere più a lungo in Germania e la Merkel aveva risposto con una verità lapalissiana: «Non possiamo accogliere tutti»

palestinese

Die Welt Am Sonntag” ha dedicato una lunga intervista alla Sahwil, che ha avuto l’effetto di gettare una nuova inquietante luce sulla ragazza palestinese. Alla domanda su cosa fosse la Palestina, la giovane ha risposto, spiazzando il suo interlocutore: «La mia speranza è che prima o poi Israele non ci sia più, e che esista solo la Palestina. Quella terra non dovrebbe più essere chiamata Israele, ma piuttosto Palestina».

A quel punto, l’intervistatore  le fa notare che «la Germania non ammette l’odio verso gli ebrei». «Sì, ma qui c’è la libertà di espressione – le ha ribattuto la 14enne – Qui posso affermare cose del genere»

Ecco questo è ciò che intendono per libertà di espressione.



   

 

 

1 Commento per “La palestinese che frignava davanti alla Merkel: «Spero che Israele sparisca»”

  1. Sì è dopo la distruzione di Israele contano di tornarci. Prima della creazione dello stato di israele erano terreni desertici abbandonati e non coltivati ora sono le terre più ricche del mondo grazie al duro lavoro e all intelligenza degli israeliani e i palestinesi li rivogliono indietro. Vedi gaza sotto la breve occupazione israeliana stava diventando ricchissima con la creazione di serre agricole che subito dopo l abbandono israeliano sono state distrutte stupidamente dai palestinesi.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -