Sanatoria in arrivo per le casse dei partiti, soldi anche senza controlli

Con una «leggina» il Parlamento potrebbe evitare che i fondi 2015, distribuiti in base ai rendiconti 2013, rimangano nei forzieri della Camera. Difficile ciò avvenga entro la scadenza del 31 luglio ma, anche se con ritardo, l’importante per i partiti è che prima o poi l’assegno venga staccato. Il finanziamento pubblico ai partiti è stato abolito, ma la sua cancellazione sarà effettiva solo dal 2017, quando diventeranno protagoniste le contribuzioni volontarie e il meccanismo del 2xmille. Fino ad allora il finanziamento dei partiti continua dunque ad esistere ma a patto che una commissione per la trasparenza verifichi ogni anno la correttezza delle spese effettuate. Commissione, però, che ad oggi non è operativa, così come i suo componenti hanno reso noto, a causa della mancanza di personale.

Per poter accedere alle risorse di cui i partiti hanno diritto secondo la legge, ecco allora che il Parlamento ha messo a punto un provvedimento con il quale si provvede ad assegnare un gruppo di revisori dei conti alla commissione incaricata di passare ai raggi x le spese dei partiti. Ma i tempi stringono e così è spuntata la sanatoria. La novità è stata messa nero su bianco da Teresa Piccione (Pd), relatrice al provvedimento all’esame della commissione Affari costituzionali della Camera (Camera: saltano presidenti di commissione, Pd occupa quasi tutte le poltrone) e prevede appunto che fatture e scontrini presentati a corredo dei bilanci dei partiti non debbano essere passati al setaccio. Anche perché, diversamente, la Camera dei deputati dovrebbe decidere di distribuire i fondi non tenendo conto di un obbligo di legge, spiega il deputato di Sel Gianni Melilla che per l’Ufficio di presidenza ha curato questa ‘pratica’ e «nessuno ha intenzione di assumersi una simile responsabilità.

Certo così – aggiunge – gli unici a essere danneggiati davvero saranno i partiti, incolpevoli, e che fino a prova contraria hanno presentato bilanci in ordine». D’altro canto, il dossier è già entrato nel mirino del M5S, che in quanto movimento (e non partito) non partecipa alla spartizione della torta del finanziamento pubblico (pur incassando la quota di risorse destinate ai gruppi parlamentari, spiega sempre Melilla), e che ha già fatto sapere di essere pronto a dare battaglia contro l’erogazione di contributi elargiti in assenza dei controlli previsti dalla legge. (ANSA).



   

 

 

2 Commenti per “Sanatoria in arrivo per le casse dei partiti, soldi anche senza controlli”

  1. i partiti continuano a generare debiti e buchi che dovra’ riappianare la comunità, mentre le risorse vengono blindate dalle fondazioni!

  2. Purtroppo abbiamo persone che ancora nel 2015 crede ancora al diavolo, ma come ca22o si fa a credere a questi politici del PD con il loro capo Bugiardone di Renzi che spare bordate di ca22ate tutti i giorni e specialmente in questi giorni che è in picchiata al massimo storico e si sta sentendo il fiatone dietro la nuca, qui se non usciamo dall’euro siamo come se ci avrebbero buttato un paio di bombe al napal, rimarra solo terra bruciata.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -