La Turchia bombarda Isis in Siria. Arrestati militanti, anche curdi

Aerei turchi hanno bombardato oggi obiettivi di Stato Islamico in Siria, mentre la polizia ha compiuto un’operazione contro militanti del gruppo fondamentalista sunnita e di organizzazioni curde – nemiche dell’Isis – in 13 province, facendo centinaia di arresti.

 

aereo-turchia

La Turchia è stata a lungo un partner riluttante della coalizione anti-Isis guidata dagli Usa, enfatizzando la necessità di abbattere il regime del presidente siriano Bashar al-Assad (anch’egli avversario di Stato Islamico) e convinta che pure i curdi siriani rappresentino una grave minaccia alla sicurezza.

Ma gli attacchi contro Stato Islamico condotti oggi, e anche i raid della polizia, sono tra le più grandi operazioni finora lanciate da Ankara che, secondo un dirigente dell’amministrazione turca, sarebbe passata da una strategia passiva alla “difesa attiva”.

Il raid turco in Siria è arrivato alcune ore dopo l’annuncio degli Usa che Ankara ha accettato che i caccia americani possano utilizzare una base vicina al confine siriano, dopo aver rifiutato per mesi la richiesta. Due giorni fa c’era stata una telefonata tra il presidente statunitense Barack Obama e quello turco Tayyip Erdogan.

Nel frattempo, la polizia ha arrestato oltre 250 persone in una serie di raid contro presunti militanti dell’Isis e di gruppi curdi. Per farlo, ha messo in campo 5.000 agenti, che hanno compiuto interventi in centinaia di località.

In una nota, il governo ha ribadito la determinazione a combattere tutti i gruppi “terroristici” “senza distinzione”. reuters



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -