Ungheria: muro anti-immigrati completato a novembre. Nel 2015 già 80mila arrivi

 

ungheria-muro

 

Saranno completati per novembre i lavori di costruzione del muro alto 4 metri, costruito dall’esercito, tra Ungheria e Serbia per contrastare l’immigrazione illegale: e’ quanto riferito da Antal Rogan, capogruppo parlamentare del partito di governo ungherese Fidesz. Nel Paese dell’Europa orientale sono gia’ arrivati oltre 80mila immigrati quest’anno, quasi il doppio rispetto ai 43mila di tutto il 2014.

Il problema e’ stato affrontato di petto dal premier conservatore Viktor Orban che, pressato dai gruppi ultra-nazionalisti, ha dato il via libera alla costruzione di una barriera alta 4 metri per bloccare l’afflusso di clandestini. Di fronte al numero crescente di immigrati che transitano per l’Ungheria diretti nel Vecchio Continente, “e’ giustificato completare la barriera lungo il confine serbo-ungherese prima possibile, per novembre”, ha sottolineato Rogan. “Ci possono essere discussioni su questo, ma personalmente non vedo altra soluzione”, ha aggiunto. agi



   

 

 

1 Commento per “Ungheria: muro anti-immigrati completato a novembre. Nel 2015 già 80mila arrivi”

  1. C’è poco da dire, e lo voglio proprio dire con tutta sincerità, questo Ministro Viktor Orban ha veramente dei marroni al posto giusto, ecco come si affrontano i problemi, questo Ministro per prima cosa ha pensato al suo paese e ai suoi cittadini, insomma al contrario dei ministri Italiani che prima pensano per i clandestini e poi se rimane qualche briciola è per i cittadini Italiani, M…..i e T………i specchiatevi come si risolvono i problemi.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -