Crocifiggono e sgozzano un ragazzo. La fidanzata del Killer: italiani razzisti

“Sono stanca di dovermi nascondere. Se può, faccia saper al mio Igli che lo aspetterò tutta la vita è che lo amerò sempre”.

 

Ismaele-Lulli2

 

Ambera Saliji non volta le spalle a Igli Meta, il giovane albanese che domenica pomeriggio ha sgozzato Ismaele Lulli a Sant’Angelo in Vado. Un omicidio brutale dettato dalla gelosia. igli era, infatti, convinto che Ismaele avesse avuto una relazione con Ambera, studentessa macedone di diciannove anni. “Io non sono una belva, non ho fatto niente di male – dice la ragazza al Corriere della Sera - invece sono tirata dentro pure io e passo per quella che ha scatenato la gelosia”.

“Cosa provo per la vittima e per la sua famiglia? Cosa vuole che le risponda: condoglianze – continua Ambera con cinismo – stop, altro non ho da dire dopo tutte le cose che ho sentito in questi giorni”. Poi, si mette subito a raccontare: “Igli ha commesso un delitto. Mi ha telefonato subito per avvisarmi. Non riuscivo a crederci, non è una cosa da lui. Ecco quello che ho pensato”.

bergoglioMa Ismaele, che dopo essere stato sgozzato è stato abbandonato in un bosco, non sembra aver provato granché: “Ho sentito tanto di quel razzismo, da parte di tutto il paese. Ho letto di gente che diceva ‘a quelli ci pensiamo noi’, inteso come albanesi e stranieri. Hanno distrutto persino l’auto dei carabinieri che portava Igli in prigione, volevano linciarlo”. Insomma, sotto sotto, Ambera non sembra voler condannare Igli, il fidanzato. In un certo senso, lo giustifica: “Sì, l’ha sgozzato, e non lo giustifico, ma non voleva farlo. Mi rendo conto che non è facile capire. Mi si darà della pazza, insensibile, una che vuol comprendere un assassino. Intanto lo amo, è il mio uomo. E poi lo conosco da quattro anni e mezzo, da quando ci siamo fidanzati. È un ragazzo dolce, so bene di che pasta è fatto, conosco il suo cuore. Non è violento”. (E se invece fosse stato violento cosa avrebbe fatto?)

La ricostruzione degli inquirenti su come i due avrebbero tolto la vita a Ismaele sembra uscita dal più becero dei film horror. Riporta il Corriere della sera che il ragazzo è stato portato nel punto più nascosto del paese, su un colle vicino alla chiesa di San Martino, quasi abbandonata. I due lo avrebbero legato a una croce tra i pini, braccia e gambe bloccate con una nastro adesivo per pacchi. Una volta immobilizzato, lo hanno sgozzato con un taglio netto di 9 centimetri. Meta e Nema hanno preso quindi il corpo e gettato in un dirupo, lasciando sull’erba una scia di sangue.

Poi sono andati tranquillamente a fare un bagno al fiume.

 

 

 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -