“Il cibo non ci piace”, profughi fanno irruzione nella casa di riposo

Una sorta di spedizione di protesta contro la qualità del cibo. E’ successo a Cairo Montenotte, dove i profughi (in presunta fuga dalle guerre e dalla fame) ospitati a Villa Raggio hanno fatto irruzione presso la casa di riposo L. Baccino per lamentarsi del cibo, ritenuto, secondo il loro parere, non di gradimento. Lo riporta savonanews

cibo-immigrati

I responsabili della protesta, tutti di sesso maschile, una volta entrati all’interno della casa degli anziani, si sono diretti nella cucina/mensa della struttura per lamentarsi con gli addetti incaricati alla preparazione dei pasti. Al termine di un dialogo accesso e molto teso, prima di uscire dalla struttura, i profughi hanno restituito il pasto giornaliero etichettandolo “non gradito”.

Sulla scia della segnalazione, una pattuglia della Polizia Municipale è intervenuta per un sopralluogo. L’episodio è confermato dalla cooperativa il Faggio, che gestisce Villa Raggio.

“Ci scusiamo con gli ospiti della casa di riposo. E’ evidente però che i profughi devono rispettare delle regole di convivenza civile: noi abbiamo indicazioni precise dalla Questura su questo punto. A chi non le rispetta verrà tolta la tutela”, conclude la cooperativa.

 



   

 

 

1 Commento per ““Il cibo non ci piace”, profughi fanno irruzione nella casa di riposo”

  1. A Bolzano hanno fatto la stessa cosa e nello stesso giorno!! Questo vuol dire che si sono messi d’accordo e che esiste un complotto ai danni degli italiani!!! Questi non sono veri profughi, i veri profughi non dovrebbero rifiutare nulla che le viene offerto gratis. Facciamo rispettare la legge, mandiamoli via e basta!!!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -