Tre sacerdoti uccisi in sei giorni. Venezuela: francescano ucciso e bruciato

Non si ferma l’orrore della violenza criminale contro i sacerdoti. Ieri in Venezuela e’ stato trovato il cadavere del francescano Alex Pinto, scomparso mercoledi’ scorso. A trovare il corpo bruciato del sacerdote – riferisce il Sismografo, sito aggiornato in tempo reale sull’attivita’ della Santa Sede -, due confratelli del francescano e agenti di polizia, mentre perlustravano la zona tra Ciudad Bolivar e Puerto Ordaz. Secondo le prime indagini, padre Pinto sarebbe stato ucciso con un colpo sparato a bruciapelo alla testa. Padre Pinto svolgeva numerose attivita’ pastorali nella chiesa di San Francesco d’Assisi e nella parrocchia ‘Vista Hermosa’ di Ciudad Bolivar.

  In pochi giorni, tra il 14 e il 20 luglio, sono stati uccisi tre sacerdoti: uno in Colombia, uno in Spagna e ora in Venezuela. Nel 2015 gli agenti di pastorale uccisi sono 11: 4 in America, 3 in Europa, 3 in Africa e uno in Asia. I sacerdoti uccisi sono 9 dall’inizio dell’anno. A cio’ si devono aggiungere una religiosa del Sudafrica e un operatore della Caritas (Siria). Il continente americano, in particolare l’America Latina, si conferma come una delle regioni piu’ pericolose per gli evangelizzatori. I sacerdoti uccisi in Paesi latinoamericani, in sette mesi sono 4: due in Colombia, uno in Messico e uno in Venezuela. (AGI) .



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -