100mila afghani pronti a entrare in Europa: tensioni al confine ungherese

Un vero e proprio esercito di disperati. Centomila afghani sarebbero accampati nei boschi della Serbia in attesa di entrare nel territorio Ue.

 

afghani

 

L’allarme arriva dal prefetto di Gorizia Vittorio Zappalorto, da tempo in prima linea nel monitoraggio dell’emergenza immigrazione al confine orientale. “Il governo serbo ha sotto controllo la situazione ma è chiaro che non può garantire il totale contenimento di queste persone - spiega Zappalorto al Piccolo – Inoltre, se altri profughi, com’è probabile, dovessero aggiungersi, sarebbe impossibile contenerli tutti”.

Gli immigrati arrivano dall’Asia centrale, Pachistan e Afghanistan, attraversano l’Europa orientale, passano in Austria e di lì si riversano in Germania o in Italia.

Nelle località italiane a ridosso del Tarvisio carabinieri e polizia ogni giorno fermano sempre più migranti. Solo sabato scorso le autorità di confine ne hanno fermati 49 che vagavano senza meta poco oltre la frontiera austriaca.

Qualche settimana fa l’Ungheria aveva annunciato l’intenzione di costruire un muro anti-immigrati irregolari lungo il confine con la Serbia, ma per Zappalorto questo progetto è velleitario: “Non è con un muro che si contiene la determinazione di un popolo di migrare. Servono le politiche adatte e adatti provvedimenti. La storia ci dovrebbe insegnare pure qualcosa.”

E a chi sogna nuovi muri a dividere l’Europa, il prefetto ricorda: “Il lavoro da fare è un altro: si dovrebbe iniziare ad abbattere i tempi per l’identificazione e la definizione dello status giuridico dei profughi. Che, a partire dall’Italia, sono ancora scandalosamente lunghi”.  il giornale



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -