Stranieri senza biglietto minacciano il capotreno con una pistola

Treno Milano-Lecco: minacciano il capotreno con una pistola, arrestati  due stranieri

 

sparare

Ancora un episodio di violenza contro il personale ferroviario. Questa volta, sulla linea Milano-Lecco, in due hanno minacciato un capotreno con una pistola scacciacani. La colpa del dipendente Trenord è stata quella di chiedere il biglietto alla coppia di violenti.

Sono stati arrestati dai carabinieri di Lecco: Artem S., 26 anni, ucraino e Ioan Iosiv P., 20 anni, romeno, residenti ad Arcore (Mb).

Poco prima dell’episodio che ha portato al loro arresto, avvenuto intorno alle 12 di venerdì, erano stati segnalati da alcuni viaggiatori per atteggiamenti molesti e per aver danneggiato alcune suppellettili del vagone. Quando il treno è arrivato alla stazione di Calolziocorte (Lecco), due pattuglie dei carabinieri e un equipaggio della Polfer di Milano hanno fermato i due, che hanno cercato di scappare.

La pistola scacciacani a tamburo era priva del tappo rosso, obbligatorio per legge. Le accuse sono resistenza e violenza nei confronti dei carabinieri e del capotreno, danneggiamento degli arredi del vagone ferroviario e porto dell’arma.

milanotoday.it



   

 

 

1 Commento per “Stranieri senza biglietto minacciano il capotreno con una pistola”

  1. TRA POCO ANCHE I NEONATI CON IL “BIBERON” HANNO “LA LIBERTA’” CON LA PISTOLA.- ” O MI DAI LA POPPATA O TI SPARO”

    NON CAPISCO COME MAI DOPO 40ANNI LUKI LUCIANO .(ORIGINE iTALIA) DAGLI STATI UNITI CACCIATO VIA,!
    NOI STIAMO FACENDO CITTADINI ITALIANI ANCHE I TAGLIA GOLE.!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -