Pesca: la UE vara nuove norme per devastare l’economia italiana

Più di mille pescherecci in Italia non potranno accedere ai fondi europei Feamp dedicati al comparto, con il rischio di non ricevere indennizzi per l’imminente fermo pesca a causa degli effetti legati all’introduzione della ‘licenza a punti’; e il numero è destinato ad aumentare, visto che per le cooperative di armamento le norme sono più stringenti.

E’ il bilancio stilato dal coordinamento pesca dell’Alleanza delle Cooperative italiane, preoccupato degli effetti dalle norme sulla ‘condizionalità’ al Feamp, sancite con il Regolamento della Commissione, che inaspriscono ancora di più il sistema sanzionatorio ideato per la lotta contro la pesca illegale. In base a quanto previsto dall’Ue, spiega l’Alleanza, chi commette infrazioni gravi nei dodici mesi precedenti alla presentazione della domanda di fermo, potrà non accedere ai contributi previsti dal fondo strutturale per il settore, utilizzati per il pagamento dell’arresto temporaneo dell’attività di pesca; un regime di sorveglianza speciale che dura anche nei cinque anni successivi al fermo, precisa l’Alleanza e per chi commette infrazioni gravi in questo periodo c’è anche l’obbligo di restituire l’importo ricevuto.

”Rischiamo la paralisi con le imbarcazioni costrette ad interrompere l’attività senza però ricevere gli indennizzi previsti – commenta l’Alleanza – questo sistema sanzionatorio sta per mostrare tutta la sua pericolosità e rischia di creare più danni alle imprese del caro gasolio”. ansa



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -