Chiede rinvio udienza per chemioterapia, Tribunale lo respinge

Lecce – Deve sottoporsi ad una seduta chemioterapica, ma la richiesta di rinvio dell’udienza cui avrebbe dovuto essere presente e’ stata rigettata dalla Corte.
E’ accaduto ad un’avvocatessa leccese di 44 anni, dalla quale e’ partita una segnalazione al Consiglio dell’Ordine degli avvocati del capoluogo salentino che ha stigmatizzato la condotta dei giudici.

La professionista, giorni addietro, secondo quanto si e’ appreso, aveva depositato l’istanza di rinvio dell’udienza fissata per stamattina dinanzi alla prima sezione della Corte d’Appello di Lecce, allegando le certificazioni che attestavano il ricovero presso il padiglione oncologico dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce per l’infusione chemioterapica. La Corte, pero’, ha respinto la richiesta di legittimo impedimento per motivi di salute. Sulla vicenda prende posizione anche lo “Sportello dei Diritti” attraverso il presidente Giovanni D’Agata sottolineando come l’avvocatessa si sia vista rigettare l’istanza di rinvio della causa malgrado avesse agito secondo le procedure previste. (AGI)



   

 

 

1 Commento per “Chiede rinvio udienza per chemioterapia, Tribunale lo respinge”

  1. Se il certificato è falso, in galera chi lo ha fatto, ma se il certificato e vero allora in galera chi non da la possibilità di essere curata anche perché chi sta male specialmente con quel tipo di malattia è ripeto è un DIRITTO DI TUTTI I CITTADINI ESSERE CURATI, Dico solo vergogna di questo paese alla deriva!!!!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -