Attacco missilistico a nave egiziana rivendicato da Isis

L’Isis ha rivendicato un attacco missilistico contro un’unita’ della Marina egiziana nel Mediterraneo orientale (sulla costa del Sinai nei pressi di Gaza) e ha postato alcune foto dell’imbarcazione in fiamme.  L’attacco e’ stato rivendicato da Provincia del Sinai, il gruppo egiziano affiliato all’organizzazione jihadista.

isis-nave-egiziana

Una fregata della marina militare egiziana ha preso fuoco oggi dopo un attacco di un gruppo jihadista nel Sinai, roccaforte dei combattenti armati egiziani affiliati all’Isis. La nave sarebbe stata colpita da un “missile teleguidato”, secondo quanto riferito in un comunicato dal ramo egiziano del gruppo dello Stato islamico. La rivendicazione, che è stata raccolta da Site, la società di monitoraggio delle organizzazioni radicali, è stata accompagnata sui social network da tre fotografie dell’attacco.

Secondo le prime informazioni, l’equipaggio aveva avvistato “elementi terroristi” (la nave era in missone di contrasto al contrabbando di armi) sulla costa di Rafah e si sarebbe messo al loro inseguimento. Durante un conflitto a fuoco tra i combattenti e i militari, sarebbe stato sparato “un missile teleguidato” contro la nave che, secondo alcuni testimoni, si trovava a circa tre chilometri dalla costa. L’impatto del missile sulla fregata ha provocato un’esplosione e poi un incendio.

Fonti dell’esercito hanno spiegato che i militari a bordo sono stati soccorsi da equipaggi inviati per la prima assistenza. Nessun membro del personale a bordo sarebbe rimasto ferito.

L’esercito conduce da due anni delle operazioni a grande scala nel Nord del Sinai per tentare di contenere gli attacchi jihadisti contro le forze dell’ordine che si sono moltiplicati dalla destituzione del presidente islamista Mohamed Morsi nel 2013. Il Nord della penisola è il bastione dei militanti fedeli allo Stato islamico (Isis) che vi hanno abbattuto decine di soldati e poliziotti negli ultimi due anni. Hanno anche compiuto attacchi nel Canale di Suez che separa il Sinai dal resto dell’Egitto.

Intanto, dopo le due esplosioni degli ultimi giorni al Cairo – tra cui quella che ha preso di mira il consolato italiano nella capitale egiziana -, il ministro dell’Interno Magdy Abdel Ghaffar ha ordinato la destituzione del capo della polizia del Cairo, il generale Osama Bedair. Al suo posto è stato nominato il suo vice, il generale Khalid Abdel Aal.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -