2700 clandestini prelevati davanti alle coste libiche

Sono circa 2.700 i clandestini prelevati ieri nel corso di 13 operazioni nel Mediterraneo, come riferisce in una nota la Guardia costiera che coordina l’attività.

“I migranti si trovavano a bordo di 9 gommoni e 4 barconi”, spiega la nota, mentre un portavoce aggiunge che le imbarcazioni sono state raggiunte ad alcune decine di miglia dalle coste libiche.

Cinque gommoni sono stati recuperati dalla nave Bourbon Argos di Medici Senza Frontiere dirottata dalla Centrale operativa, quindi nave Dattilo CP940 della Guardia costiera ha trasbordato i clandestini da due barconi e due gommoni; un barcone e’ stato “soccorso” dalla nave Chimera della Marina militare, mentre la Werra, nave della Marina militare tedesca, ha recuperato 2 gommoni.

Infine altri 681 clandestini a bordo di un barcone sono stati prelevati dalla nave Corsi CP906 della Guardia costiera, ancora da nave Chimera della Marina e dalla nave Bourbon Argos. In assistenza a queste unita’ hanno partecipato anche le motovedette CP 324 e CP 312 della Guardia costiera di Lampedusa.



   

 

 

3 Commenti per “2700 clandestini prelevati davanti alle coste libiche”

  1. Ma non è che per caso li andranno a citofonare sotto casa e chiedergli se vogliono venire in Italia promettendo come disse Toto, vitto, alloggio, e stiratura non capisco dove vengono messi, poi magari in un condominio di 10 abitanti ce ne mettono 100 clandestini, evviva gli s…….i che g.

  2. Noi,prima o poi dovremo fare come l’America (U.S,) com l’abolizione della schivitù, coloro che volevano ritornare in Africa mise a disposizione i mezzi e ne venne fatto uno Stato in Africa, credo Liberia,(accetto correzione se ho commesso errore nome dello Stato))

  3. gli immigrati “rendono” e rendono bene, per questo, quando tardano ad arrivare, li andiamo a prendere fino a casa e li portiamo qua!!!!!!!!!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -