Ucraina: scontro a fuoco tra estremisti di Pravy Sektor e Polizia

 

Come abbiamo già riportato qui, l’esercito di Petro Poroshenko è un’accozzaglia di soldati svogliati, raccattati faticosamente dopo quattro ondate di mobilitazione. “Kiev è riuscita a reclutare soltanto gruppi di alcolisti, tossicodipendenti e idioti”, ha detto un consigliere del presidente.

Per questo motivo nel Paese sono arrivati 250 militari statunitensi che dovrebbero formare soldati ucraini secondo gli standard della NATO”, eppure  Poroshenko si affida sempre più alle milizie paramilitari di volontari (mercenari) dell’estrema destra neonazista, formate da uomini senza scrupoli, armate e finanziate da ricchi oligarchi ucraini: dai battaglioni Azov alle brigate di Settore Destro (Pravy Sektor)

Ed ora non c‘è solo la guerra nell’est dell’Ucraina. La tensione coinvolge anche la parte occidentale del Paese, dove un gruppo di combattenti dell’organizzazione estremista ucraina Pravy Sektor (Settore di Destra), su cui Poroshenko fa molto affidamento recentemente, ha ingaggiato scontri a fuoco con la polizia di Moukatchevo. Almeno due persone sono rimaste uccise, 4 i feriti.

Il gruppo ultranazionalista chiede le dimissioni del ministro dell’Interno ucraino, Avakov: la manifestazione che era cominciata davanti al palazzo presidenziale di Kiev è degenerata nel conflitto a fuoco. I motivi alla base di tale violenza non sono chiari, ma il gruppo paramilitare accusa le forze dell’ordine di essere corrotte e al soldo della mafia locale.

Il presidente ucraino Petro Poroshenko ha ordinato alle forze di sicurezza di disarmare tutti i gruppi armati illegali nel paese.
“Nessuna forza politica deve avere cellule armate e nessuna forza politica ne avrà”, ha detto Poroshenko durante una riunione di sicurezza nazionale dell’Ucraina e Consiglio di Difesa (NSDC).

Secondo il presidente, l’aspetto di uomini armati fino ai denti in Mukachevo è un tentativo di destabilizzare la situazione in Ucraina. “Le autorità non permetteranno questo”, ha promesso il Ministro dell’Interno e del servizio di sicurezza dell’Ucraina.

Il presidente ha sottolineato che la causa del conflitto a Mukashevo, situato vicino ai confini della Slovacchia e dell’Ungheria, è stata la “ridistribuzione delle rotte del contrabbando”.

Tuttavia, il portavoce del settore destro, Artem Skoropadsky, ha subito puntializzato che l’ordine del presidente non si applica al gruppo ultranazionalista.  “La dichiarazione di Petro Poroshenko si rivolge a gruppi armati illegali. Non siamo un gruppo armato illegale. I Gruppi armati illegali sono banditi, e noi siamo un corpo di volontari ucraini, che protegge l’indipendenza e l’integrità territoriale dell’Ucraina. Pertanto, questa affermazione non si applica a noi “



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -