Bangladesh: ragazzino legato a un palo, torturato e ucciso dalla folla

 

BANGLADESH – Sono immagini drammatiche, orrende e stanno facendo il giro del mondo. In questo video, pubblicato su Facebook, si vede un ragazzino di 13 anni – sospettato di un furto – legato a un palo e preso a bastonate dalla folla infuriata.

 

bangladesh

 

IL VIDEO – Il video, della durata di 15 minuti e che non vi mostriamo per intero, mostra il linciaggio del ragazzino e si chiude con la morte del giovane fra le risate dei suoi torturatori. La vittima si chiamava Samiul Alam Rajon. Il luogo dell’orrore – dalle prima informazioni – sarebbe la stazione dei bus di Sylhet, nel nord est del Paese.

LA VITTIMA – Il ragazzo è terrorizzato e invoca ripetutamente pietà ma i suoi aguzzini continuano a picchiarlo con un bastone anche quando cade a terra. Il tutto è accaduto l’8 luglio ed è avvenuto sotto gli occhi di diversi uomini che non sono intervenuti per salvare il giovane morto, secondo l’autopsia, per una emorragia cerebrale dovuta alle oltre sessante bastonate inferte contro il suo corpicino.

QUI IL VIDEO

LE PROTESTE E L’INCUBO PEDOFILIA – La morte di Samiul ha creato un moto di indignazione che ha oltrepassato i confini del Bangladesh grazie all’hastag #JusticeforRajon. Finora la polizia ha arrestato diverse persone, tra cui un certo Muhit Alam, 22 anni, che è direttamente coinvolto con il linciaggio e suo fratello, catturato in Arabia Saudita dove era scappato all’indomani del linciaggio.

INCUBO PEDOFILIA – Secondo i genitori di Rajon, dietro l’uccisione non ci sarebbe invece nessun furto bensì si nasconderebbe una storia di pedofilia. Si sospetta infatti che uno degli aggressor abbia accusato falsamente il ragazzo di aver rubato un risciò a motore dopo che quest’ultimo si era opposto alle sue richieste sessuali.

today.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -