Maro’: Procura indiana accetta l’arbitrato, udienza il 26 agosto

La Procura indiana ha accettato davanti alla Corte suprema il ricorso all’arbitrato internazionale sul caso dei maro’, attivato dall’Italia il 26 giugno scorso. Si tratta di un atto dovuto essendo l’India firmataria della convenzione dell’Onu sul diritto del mare che all’articolo 287 indica i metodi di soluzione delle dispute.
E’ stata fissata una nuova udienza davanti alla Corte suprema per il 26 agosto, quando il governo di New Delhi dovra’ presentare un rapporto ufficiale sul caso.

Intanto la Corte suprema indiana ha prolungato di sei mesi il permesso di restare in Italia per le cure mediche, dopo l’operazione al cuore subita il 5 gennaio. La decisione e’ stata annunciata dal tribunale che l’ha giustificata con le motivazioni mediche legate alla convalescenza dopo l’attacco ischemico del 31 agosto scorso e il rapresentante del governo indiano non si e’ opposto. Latorre, che ad aprile aveva gia’ ottenuto una proroga di tre mesi che sarebbe scaduta mercoledi’ 15 luglio, potra’ cosi’ continuare a curarsi in Puglia.

L’altro Fuciliere di Marina, Salvatore Girone, si trova invece ancora bloccato a New Delhi dove risiede nell’ambasciata italiana e collabora con l’addetto militare. A fine giugno Girone aveva definito “una bella notizia” l’annuncio dell’attivazione dell’arbitrato internazionale sul caso dell’uccisione di due pescatori indiani al largo delle coste del Kerala, nel febbraio 2012. I tempi per l’arbitrato potrebbero comunque essere lunghi, forse tra i due e i quattro anni, considerando che deve essere istituita una Corte internazionale. (AGI) .



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -