Si fingono turisti per clonare carte di credito, due serbi arrestati

I carabinieri della stazione Roma San Lorenzo in Lucina hanno arrestato due cittadini serbi, di 22 e 41 anni, con precedenti specifici e domiciliati da alcuni giorni in un bed&breakfast di Viale Vaticano a Roma. A seguito di una mirata attività, i carabinieri sono riusciti a bloccare uno dei due stranieri mentre stava recuperando uno skimmer e una microcamera che servono per catturare e archiviare i codici contenuti nella banda magnetica delle carte di pagamento, da uno sportello Atm Cash Machine, di piazza di Tor Sanguigna, che aveva posizionato precedentemente.

Dopo degli accertamenti i carabinieri sono riusciti a individuare il domicilio del truffatore, dove hanno trovato il complice intento a utilizzare un computer portatile contenente vari files con innumerevoli codici pin e pan, verosimilmente provenienti da precedenti clonazioni e programmi per la gestione delle clonazioni di carte di credito e bancomat.

Inoltre, nella stessa stanza sono stati scoperti 2.100 euro in contanti, due telefonini cellulari, una memoria Usb contenente altri codici pin e pan e dati della loro captazione, tre finti tastierini di sportelli Atm, cinque lettori skimmer assemblati all’interno di finte fessure bancomat e varia attrezzatura per il posizionamento di microcamere. Tutto il materiale rinvenuto è stato sequestrato mentre i due stranieri sono stati condotti nel carcere di Regina Coeli a disposizione dell’autorità giudiziaria.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -