Picchiò la moglie e la fece abortire, arrestato 34enne del Bangladesh

Botte, insulti e vessazioni. Una gravidanza interrotta. La taglia offerta a chi gli avrebbe fatto ritrovare la moglie. Minacce di morte a lei e al connazionale che le aveva dato rifugio.

 

picchiata

Un commerciante ambulante di 34 anni, originario del Bangladesh, ieri è stato arrestato dai carabinieri di Alassio (Savona), chiudendo le indagini innescate dalla denuncia della moglie, una giovane 26 anni, che si è decisa a fare denuncia dopo anni di angherie e umiliazioni. Sentita con il supporto di una psicologa, ha raccontato di come il compagno le avesse reso la vita un inferno, arrivando a farle perdere il bimbo che portava in grembo, al terzo mese di gravidanza.

Era il 2012. La ragazza ha continuato a sopportare di tutto fino a marzo di quest’anno, quando lo ha lasciato e ha chiesto aiuto e ospitalità a un conoscente residente vicino a Imperia, anche lui immigrato dal Bangladesh. L’ex compagno ha offerto soldi ai connazionali in grado di dirgli dove fossero la moglie e l’amico, poi inseguito in macchina e oggetto di un tentativo di investimento.

Il pm che ha coordinato gli accertamenti ha chiesto al gip di applicare all’uomo la custodia cautelare in carcere e così è stato. L’ambulante è accusato di maltrattamenti, lesioni, procurato aborto e minacce. Tra la denuncia della donna e l’arresto, precisano a richiesta i carabinieri di Alassio, “sono passati un paio di mesi”. tiscali



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -