Treviso: Said Chaibi (Sel) mette le mani al collo di Pezzato e lo spinge contro il muro

Said-Chaibi

Ennesima prova di arricchimento culturale e integrazione. Mercoledì mattina a Trevso, in commissione urbanistica, si è parlato del Piano di Rischio per l’aeroporto Canova. Una riunione come tante altre se non fosse stato per il comportamento violento  di Said Chaibi, di origine marocchina, capogruppo di Sel.

Si stava parlando della variante del piano regolatore relativa al Piano di rischio dell’aeroporto Canova quando Chaibi, non convinto della cosa, ha proposto al presidente della commissione di portare piuttosto il Piano di Rischio al Tar, per far saltare tutto, o qualcosa di simile. Il resto della commissione a quel punto gli avrebbe dato contro, e Chaibi, infastidito avrebbe cominciato a imprecare. Il consigliere Fabio Pezzato di Per Treviso l’avrebbe invitato a moderare i termini e a contenersi ottenendo l’effetto contrario. La reazione di Chaibi è violentissima: si gira, pianta la fronte addosso a quella di Pezzato, poi gli mette le mani al collo e lo spinge verso il muro fino a che qualcuno non li divide.

I due interessati si trincerano dietro il classico «no comment», però i testimoni confermano il parapiglia.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -