Tabaccaio aggredito dai nomadi: con un bastone gli rompono naso e polso

 

“Difficile lavorare e vivere a Ponente. Prima il degrado e gli allagamenti, poi i furti alle attività produttive e turistiche, ora un’aggressione in pieno giorno”. Riporta l’episodio il consigliere del Movemento 5 stelle di Cesenatico, Alberto Papperini: “Mercoledì sera alle ore 19 il tabaccaio sul Lungomare Ponente è stato aggredito con un bastone da un soggetto riconducibile al campo nomade installato nelle vicinanze del parco acquatico di Atlantica”.

“Due persone, un uomo e una donna nomadi, ormai da giorni tentano di rubare negli esercizi commerciali del lungomare. Ieri sera sono riusciti nel loro intento all’interno del negozio abbigliamento estivo. Essendo stati scoperti, i due sono scappati verso la spiaggia inseguiti dal gestore del tabacchi vicino e da altri che avevano assistito al furto. La fuga è terminata quando l’uomo ha colpito più volte con il bastone di un ombrellone il gestore del tabacchi, rompendogli il naso e il polso”, racconta il consigliere. Sono state chiamate le forze dell’odine che sono intervenute sul posto.

“Non è più possibile continuare a lavorare e vivere in queste condizioni di insicurezza. Chiedo l’intervento delle forze dell’ordine e dell’Amministrazione comunale per arginare questo fenomeno di degrado a 360 gradi, che sta colpendo il Quartiere di Ponente”, conclude Papperini.

cesenatoday.it



   

 

 

1 Commento per “Tabaccaio aggredito dai nomadi: con un bastone gli rompono naso e polso”

  1. L’italia. al travalico della democrazia : Voluta.? od Incapacità ? di tutti i responsabili alla guida del “timone”.?

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -