Grecia: Varoufakis non partecipa alle votazioni in Parlamento

L’ex ministro delle Finanze greco, Yanis Vaorufakis, non partecipa alle votazioni in Parlamento sul nuovo piano di riforme presentato dal premier, Alexis Tsipras, per ottenere gli aiuti dai creditori internazionali.

Lo ha fatto sapere lui stesso, adducendo motivi familiari. Su Twitter Varoufakis ha pero’ ribadito il suo pieno sostegno al successore, Euclid Tsakalotos.

Intanto il premier ellenico Tsipras ha convocato i parlamentari di Syriza per ottenere il via libera dell’Aula greca a trattare in sede Ue. “Non ho il mandato del popolo per portare la Grecia fuori dall’euro, ma per trovare un accordo migliore”, dice Alexis Tsipras aggiungendo “Siamo di fronte a una decisione cruciale: in questa decisione siamo tutti insieme”.

La Grecia ha presentato all’Europa un piano di riforme che prevede tagli per circa 12 miliardi di euro. In cambio ha chiesto ai creditori 53,5 miliardi per onorare i prestiti in scadenza fino a giugno del 2018. Atene ha chiesto inoltre ai creditori di rivedere l’obiettivo primario di un surplus per i prossimi 4 anni. I mercati ci credono e le borse corrono, con Parigi che sale oltre il 3% e Milnao a +2,9%.

Anche l’euro sale oltre 1,12 dollari, mentre lo spread si riduce poco sopra quota 120 punti. Il presidente dell’Eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem, ha gia’ preannunciato per domani possibili “decisioni importanti” e, anche senza entrare nel merito, ha definito “un testo accurato” le proposte di Atene. Dalle 13 sono riunite le istituzioni creditrici (Fmi, Bce e Commissione Ue): il summit a 4 in teleconferenza vede riuniti Christine Lagarde, Mario Draghi, Jean Claude Juncker e Dijsselbloem, che comunicheranno prima della fine della giornata le loro valutazioni.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -