Roma, donna minacciata con coltello e violentata: arrestato tunisino

Si era introdotto nell’appartamento di una donna assieme a un complice e ha abusato di lei minacciandola con un coltello. Un uomo, di origine tunisina, è stato rintracciato e arrestato, a comunicarlo è la polizia di Stato di Roma.

L’episodio è avvenuto domenica scorsa in via Vetulonia, nel quartiere Appio della Capitale. Alcuni vicini hanno sentito le grida di una donna e hanno avvisato il 113. Gli agenti hanno raggiunto la casa e hanno visto un uomo uscire di corsa, senza riuscire a bloccarlo. L’uomo ha però perso lo zaino e il suo telefono cellulare.

Nell’appartamento i poliziotti hanno trovato due donne: una di queste ha raccontato di essere stata vittima di violenza da parte dell’uomo appena scappato, che si era infilato in casa approfittando di una porta lasciata socchiusa. L’uomo aveva prima preteso che gli venissero consegnati tutti i soldi che le donne avevano in casa e, poi, aveva abusato di una delle due minacciandola con un coltello. L’uomo è stato rintracciato grazie al cellulare perso nella fuga e quindi trovato in uno stabile occupato in via Scipione Rivera.

Nonostante la porta del suo alloggio fosse murata, gli agenti sono riusciti a entrare da una finestra tramite le impalcature. L’uomo, un tunisino di 33 anni già noto alle forze dell’ordine, è stato sottoposto a fermo e dovrà rispondere di violenza sessuale e rapina. tiscali



   

 

 

1 Commento per “Roma, donna minacciata con coltello e violentata: arrestato tunisino”

  1. Sarà già libero….tanto abbiamo capito come funziona la legge qui in Italia. ..I cattivi fuori i buoni chiusi nel terrore

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -