Baganzola: fiaccolata contro il Centro di accoglienza, antirazzisti bloccati dalla Polizia

Baganzola ‘blindata’ per la fiaccolata contro il Centro di accoglienza per profughi. Tensione alle stelle

 

protesta-contro-profughi

Per buona parte del pomeriggio e la serata di ieri, i cittadini di Baganzola hanno assistito allo schieramento di forze di Polizia e Carabinieri in antisommossa per impedire il contatto tra i partecipanti alla fiaccolata -indetta dal Comitato Golese Sicura contro il progetto di ospitalità di alcuni profughi all’interno dell’ex scuola di Castelnuovo a Baganzola – e un gruppo di sedicenti antirazzisti che con megafoni e slogan hanno scandito le accuse controdi Casa Pound, accusata di essere la vera organizzatrice della manifestazione.

Dietro ad alcune bandiere italiane e allo striscione ”Alcuni italiani non si arrendono’ circa 100 persone hanno preso parte alla fiaccolata che si è spostata -dopo le 21.30 – dalla piazzetta del concentramento lungo alcune strade del quartiere per poi fare ritorno nella stessa piazza.

Verso le ore 20.30 un gruppo di manifestanti si è posizionato aldilà della strada ed è stato fermato dalle forze dell’ordine schierate in assetto antisommossa, poi tre camionette sono state fatte posizionare proprio davanti ai manifestanti, mentre i primi effettuavano interventi al megafono. Carabinieri e poliziotti con scudi, caschi e manganelli si sono posizionati in mezzo alla strada, chiudendo i partecipanti alla contro-manifestazione sul marciapiedi: quando gli esponenti del Comitato Golese Sicura sono passati ci sono stati momenti di tensione ma nessun contatto tra i due gruppi nè con le forze dell’ordine, tranne qualche scambio di insulti e minacce.

parmatoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -