UE, chieste le dimissioni di Schulz “è stato parziale, brutale, ottuso”

Tempi duri per i leader delle istituzioni europee che più si sono spesi ‘pro Sì’ nella campagna in vista del referendum greco, dove, alla fine, ha prevalso il No: sono finiti sotto attacco non tanto la presa di posizione politica, legittima e, per altro, condivisa da praticamente tutti i governi dell’EuroZona, Grecia ovviamente esclusa, ma i toni aggressivi spesso usati negli scambi con il premier greco Alexis Tsipras e il suo governo.

schulz

Nei confronti del presidente del Parlamento europeo Martin Schulz, socialista tedesco, una richiesta di dimissioni è stata firmata da diversi parlamentari europei, fra cui le italiane Barbara Spinelli ed Eleonora Forenza, entrambe elette nella ‘lista Tsipras’ e affiliate al gruppo della Sinistra unita europea.

Anche il presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker, autore di scambi di battute sferzanti con Tsipras, è sotto tiro. Già prima del voto, eurodeputati del M5S e di altri movimenti euro-critici o euro-scettici gli avevano contestato d’essersi presentato a rapporto davanti al gruppo del Partito popolare europeo -il suo-, ma di non avere mai informato sull’evolvere della crisi l’Assemblea plenaria. Dopo il referendum, Juncker ha fatto un passo indietro, affidando al suo vice Valdis Dombrovskis i primi commenti dell’Esecutivo comunitario.

Oggi, Schulz ha ricevuto critiche anche nella riunione del Gruppo S&D del Parlamento europeo, quello cui partecipano gli eurodeputati del Pd. La lettera in cui gli si chiede di dimettersi ricorda che il presidente “ha trascorso l’ultima settimana facendo campagna per il Sì, per la caduta del legittimo governo greco, per la sua ‘sostituzione con un governo tecnico’ …. E ha sfacciatamente tacciato Tsipras di essere un ‘manipolatore’ del proprio popolo”. Per i firmatari del documento, il comportamento di Schulz “è stato parziale, brutale, ottuso e senza precedenti nella storia dell’Unione e del suo Parlamento. Dovrebbe dimettersi anche se l’esito del referendum fosse stato diverso”. A essere in questione – si sostiene – , è “la capacità di rappresentare nella sua interezza il Parlamento europeo che presiede”.

Schulz avrebbe “già mostrato la stessa parzialità e la stessa mancanza di rispetto su altri temi cruciali – tra questi il Ttip -, prima ancora che i parlamentari li avessero discussi”.”In realtà – conclude il documento – , egli sta gettando profondo discredito sulle istituzioni europee e sulla carica che ricopre”. E’ però improbabile che la richiesta di dimissioni venga accolta. Nell’Assemblea, del resto, non manca chi apprezza l’operato di Schulz ed è critico verso Tsipras, che domani mattina sarà al Parlamento europeo, dopo che il leader liberale Guy Verhofstadt aveva denunciato come “scandaloso” il suo rifiuto di incontrare gli eurodeputati. (la presse)



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -