Pedofilia GB: violentata per anni da gang di immigrati, Sara rompe il silenzio

pedofilia-gb

 

Sara oggi è una bella donna di 23 anni, con uno sguardo profondo e i lunghi capelli castani, madre di una splendida bambina. Lei dopo anni ha deciso di rompere il silenzio sulla sua drammatica storia. Siamo a Rotherham, una città dell’Inghilterra. Qui Sara vive una vita tranquilla con sua madre Maggie. Tutto fino a quando a 11 anni non inizia a essere la vittima prescelta di una “gang di pedofili”.

Lei stessa dopo anni ha ammesso che le avevano fatto il “lavaggio del cervello”: il gruppo di uomini la riempivano di regali e in cambio le chiedevano le prestazioni sessuali. Il tutto è andato avanti per cinque anni fino a che Sara non è diventata maggiorenne. Fino ad allora nessuno l’ha aiutata: i servizi sociali l’avevano portata in una casa famiglia ma qui, ogni sera, i suoi aguzzini venivano a prenderla in taxi,

Tutto è cominciato quando aveva undici anni e un uomo di trenta l’ha portata in un cortile di una scuola di notte, dove ha abusato di lei. E’ lei a spiegare che quegli uomini cercavano di farle capire che tutto era “normale”. Era lei stessa a chiamarli “i miei amici”. Le violenze a volte erano di gruppo: “Una volta mi hanno portata in macchina lontana da casa e mi hanno costretta a fare sesso di gruppo con sette uomini e quando mi sono rifiutata hanno minacciato di dare fuoco alla mia casa”.

Quello di Sara non è un caso isolato: un rapporto ha rivelato che, dal 1990, più di mille e 400 ragazze sono state vittime delle “gang di pedofili”, composte per lo più da uomini di origine asiatica, che strupravano regolarmente le giovani. “Le ragazze come me e le nostre famiglie gridavano aiuto, ma nessuno ci ha ascoltato. I politici avevano paura ad affrontare la questione perché temevano che lo scandalo avrebbe “dato ossigeno” al razzismo” spiega Sara.

Anche se adesso quegli abusi sono lontani, Sarah a volte sente riaffiorare le conseguenze psicologhiche di quelle violenze: “A volte vengo presa dall’ansia e non riesco ad andare in giro per la città da sola. Uso raramente il taxi, per paura di essere violentata. Faccio molta fatica a dare quello che per molte donne è normale”.

today.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -