India: donna non paga mazzetta ai poliziotti, loro le danno fuoco

Ennesimo orrore nella litania di stupri, violenze e omicidi di cui sono vittime il piu’ delle volte le donne in India, che sempre piu’ assurge al disonore delle cronache, malgrado la sua cultura e la sua potenza economica, ma per raccapriccianti casi di cronaca nera.

L’ultimo in ordine di tempo, nello Stato del Madhiya Pradesh, riguarda una donna, Neetu Dwivedi, 40 anni, che sul letto di morte ha accusato due agenti di polizia della cittadina di Barabanki di averle chiesto una mazzetta da 100.000 rupie (1.429 euro) per ottenere il rilancio del marito che era stato arrestato. Quando la donna, scrive il britannico Independent, si e’ rifiutata di pagare, i due agenti l’hanno prima picchiata, l’hanno umiliata per poi darle fuoco lasciandola con il copro coperto per l’80% di ustioni. Ricoverata ieri all’ospedale di Lucknow e’ spirata dopo aver denunciato il caso alla magistratura.

I due agenti, secondo i quali la donna si sarebbe data fuoco da sola per protesta, sono stati sospesi dal servizio e sono sotto inchiesta.
Solo il mese scorso un giornalista, Jagendra Singh e’ stato arso vivo dopo aver pubblicato un articolo in cui aveva denunciato una caso di corruzione legato all’appropriazione illegale di terreni da parte di un politico locale. (AGI) .



   

 

 

1 Commento per “India: donna non paga mazzetta ai poliziotti, loro le danno fuoco”

  1. avevamp bisogno di altra dimostrazione di quale cultura hanno gli “Indigeni” della india. Quale morale pu0 scaturire.? E non è l’ultimo caso.-

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -