Giornalista assassinata da Isis a Mosul, “agente del nemico”

 

Continua la caccia ai giornalisti da parte dei jihadisti dello Stato Islamico (Isis). Questa volta è toccata a Suha Ahmed Radi, corrispondente del giornale iracheno “Ninive” a Mosul roccaforte del Califfato nel Nord del’Iraq. Lo ha riferito una Ong irachena.

In un comunicato emesso oggi, l’”Osservatorio della Libertà di Stampa” ha affermato che gli uomini del Califfo “hanno prelevato la giornalista, alcuni giorni fa, dalla sua abitazione nel quartiere al Ikha’a a est di Mosul conducendola ad una località ignota”. Quindi “il Tribunale della Shariya dell’Isis per l’accusa di essere agente del nemico condannandola alla pena di morte”.

L’esecuzione sarebbe avvenuta ” di fronte ad una folla di abitanti in una piazza nel quartiere al Dakki a ovest della città”, ha precisato l’Ong irachena prima di specificare che l’Isis “ha consegnato la salma della giornalista ai suoi familiari tramite l’ufficio di medicina legale”. Sul corpo senza vita “i familiari hanno notato ferite da arma da fuoco”, recita ancora il comunicato.

Mosul, seconda più grande città dell’Iraq, è dal 10 giugno scorso sotto il controllo dello Stato Islamico. askanews



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -