Obama: “In Siria serve un nuovo governo senza Bashar al Assad”

obama-assad

 

“In Siria  serve una transizione politica che porti a un nuovo governo senza Bashar al Assad”.  Questo è il nocciolo del doscorso di Barack Obama riunisce al Pentagono, dove si è riunito il team per la sicurezza nazionale USA (e la ovvia conseguente insicurezza di tutto il resto del mondo)

La guerra contro l’Isis sarà ancora lunga e difficile dice Obama, ma alla fine l’Isis sarà distrutta. Infatti “ISIS è l’esercito segreto degli Stati Uniti”, quindi gli USA sanno bene quando e se metterlo a riposo.

Terrorista confessa: «aerei USA hanno fornito armi all’Isis»

“GLI U.S.A riaffermeranno costantemente, attraverso la parola e gli atti, che non siamo in guerra con l’Islam” ha detto il presidente “Non saremo mai in guerra con l’Islam. Stiamo combattendo i terroristi che distorcono l’Islam e le cui vittime sono per lo più musulmani.”

Per Obama – (smentito da Reuters che ha scritto “Lo Stato islamico guadagna terreno in Syria dopo i pesanti attacchi aerei degli Stati Uniti” -  si iniziano a vedere dei progressi sul campo: “Abbiamo eliminato migliaia di combattenti dell’Isis, tra cui comandanti di alto livello. Lo Stato islamico ha perso oltre un quarto delle aree popolate che aveva catturato in Iraq” e anche in Siria ha subito diverse sconfitte. Queste perdite dimostrano che l’Isis sarà sconfitta, anche grazie al contributo cruciale delle forze locali sul campo. Ma “le ideologie – ha tenuto a precisare – non si combattono solo con le armi ma anche con idee migliori”. Per questo, osserva, è necessario affiancare alla battaglia militare anche quella politica ed economica. Il presidente descrive l’Isis come un gruppo “opportunistico” e “agile”, in grado quindi di muoversi con velocità.

“Quella contro l’Isis non sarà una campagna rapida, ma una campagna molto lunga”, prosegue Obama, lanciando un monito a chi ritiene che sarebbe possibile liberarsi dei “tagliagole” con poche semplici mosse. Poi spiega che “i raid aerei continueranno a prendere di mira impianti per il petrolio e per il gas che forniscono importanti fondi alle operazioni” dei miliziani dell’Isis. Il presidente aggiunge inoltre che lo sforzo degli Usa e dei propri alleati è teso a “fermare il flusso di combattenti stranieri verso la Siria e l’Iraq”, mentre “acceleriamo la consegna di equipaggiamento di importanza critica, tra cui missili anti-carro, alle forze irachene”. Quest’ultima è la risposta alle critiche (di alcuni paesi arabi) in base alle quali Obama non voleva fornire armi pesanti a chi combatte l’Isis. Ma “non ci sono piani per ora di inviare più forze oltreoceano, perché al centro della nostra strategia c’è aiutare le forze locali”.

“Stiamo lavorando – prosegue il presidente – per soffocare le nuove cellule dell’Isis”.

Su questo ci sono molti dubbi Iraq: abbiamo prove che gli USA stanno fornendo armi e aiuti militari a Isis

Navi Usa sbarcano in Turchia, uomini e armi per l’Isis

“In Siria – aggiunge Obama – serve una transizione politica che porti a un nuovo governo senza Bashar al Assad”.

In poche parole, sono gli USA che decidono chi deve governare una nazione sovrana, quindi bisogna far fuori Asad e mettere al suo posto un fantoccio del governo americano.



   

 

 

1 Commento per “Obama: “In Siria serve un nuovo governo senza Bashar al Assad””

  1. Al mondo servono meno tiranni come obama |

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -