Milano: Processo De Benedetti contro Tronchetti rimandato per il caldo

Il caldo fa sentire i suoi effetti anche al Tribunale di Milano. Il processo in cui e’ imputato per diffamazione Marco Tronchetti Provera su denuncia di Carlo De Benedetti e’ stato infatti rinviato dal giudice Monica Amicone al 21 settembre a causa dei continui black out, dovuti all’uso dei condizionatori, che compromettono il funzionamento degli impianti di registrazione in Tribunale.

Il processo precedente a quello che vede contrapposti Tronchetti e De Benedetti era gia’ stato rinviato dal giudice perche’ per quattro volte si era verificato un black out rendendo molto complicata la registrazione dell’udienza. De Benedetti lamenta la falsita’ di quanto dichiarato da Tronchetti nell’ottobre 2013, in risposta a precedenti giudizi dell’ingegnere: “Se anch’io raccontassi la storia delle persone attraverso luoghi comuni e slogan – aveva affermato Tronchetti – potrei dire che l’ingegner De Benedetti e’ stato molto discusso per certi bilanci Olivetti, per lo scandalo legato alla vicenda di apparecchiature alle Poste italiane, che fu allontanato dalla Fiat, coinvolto nella bancarotta del Banco Ambrosiano, che fini’ dentro per le vicenda di Tangentopoli”.

Oggi era in programma la requisitoria del pm Mauro Clerici che, tuttavia, era assente. Ma il rinvio, e’ stato precisato, non e’ dovuto all’assenza del pm che poteva essere sostituto da un altro magistrato in aula, ma dai disagi dovuti al caldo record. (AGI) .



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -