In fuga su auto rubata e senza patente: finisce contro il bus, romeno arrestato

 

Ha terminato la fuga con l’auto rubata contro la fiancata del bus 64. Alle sue spalle i carabinieri, dopo che la vettura, risultata rubata poche ore prima, è stata intercettata dai militari dell’Arma in viale Enrico De Nicola. La folle corsa si è verificata nella zona Esquilino, poco distante dalla Stazione Termini, ed è finita con l’arresto di un cittadino romeno i 29 anni, nella Capitale senza fissa dimora, con precedenti, con le accuse di ricettazione, detenzione di materiale pedopornografico e guida senza patente.

AUTO IN FUGA – Quando Carabinieri del Comando di Roma piazza Venezia gli hanno intimato l’Alt in via De Nicola, il 29enne, per tutta risposta, ha accelerato nel tentativo di eludere il controllo. Ne è nato un inseguimento durante il quale, effettuando pericolose manovre nel traffico cittadino, il romeno è andato a schiantarsi sulla fiancata destra di un autobus della linea 64 in sosta alla fermata per consentire la discesa dei passeggeri. Fortunatamente nessuno è rimasto ferito.

PEDOPORNOGRAFIA – Dai successivi accertamenti è emerso che l’uomo non aveva mai conseguito la patente di guida. Nel corso della perquisizione personale, inoltre, i Carabinieri hanno rinvenuto delle pen drive e memory card dove erano state memorizzati video e fotografie di natura pedopornografica. Tutto il materiale è stato sequestrato e messo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Il veicolo è stato restituito al legittimo proprietario. Il cittadino romeno è stato portato nel carcere di Regina Coeli.

romatoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -