CSM, Legnini: “le toghe valutino gli effetti delle loro decisioni”

Per la magistratura “cogliere e prevedere le conseguenze delle decisioni giudiziarie non puo’ piu’ essere un tabu’”. Lo scrive il vicepresidente del Csm, Giovanni Legnini, in una lettera pubblicata oggi dal ‘Corriere della Sera’, nell’ambito del dibattito scaturito dalle vicende Ilva e Fincantieri.

“Se sulla magistratura si riversano maggiori aspettative e domande – aggiunge Legnini – occorre che essa orienti sempre piu’ le sue decisioni a ponderazione, specializzazione e piena consapevolezza della forte incidenza della giurisprudenza sul caso concreto e sul sistema in generale. Cosi’, cogliere e prevedere le conseguenze delle decisioni giudiziarie, il loro impatto sull’economia e sulla societa’ non puo’ piu’ essere considerato un tabu’”.

Le decisioni di un giudice, rileva ancora il numero due di Palazzo dei Marescialli, “producono conseguenze sistemiche, egli non puo’ mai prescindere dalla previsione degli effetti del proprio rendere giustizia” e pertanto “occorre farsi carico, con l’istituto della motivazione, di dar conto delle ragioni che inducono a scegliere una soluzione concreta a discapito delle altre”.
(AGI) .

Non è chiaro per quale motivo il dr. Legnini pensi che le decisioni siano state prese quasi ingenuamente, senza valutare gli effetti.

Invece si dovrebbe considerare che certe sentenze siano state emesse proprio dopo aver valutato attentamente le conseguenze. A tal proposito, consigliamo la lettura di questo articolo

Magistratura e PCI, i nemici del progresso dell’Italia



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -