Eurozona, Saccomanni si scaglia contro la sovranità degli Stati nazionali

Saccomanni, Basta compromessi, inevitabile aumento Iva

 

E’ una bocciatura senza appello del documento sul completamento dell’unione economica e monetaria presentato dai cinque presidenti delle istituzioni Ue (Commissione, Consiglio, Bce, Eurogruppo e Pe) quella che arriva da Fabrizio Saccomanni, già ministro delle Finanze e direttore generale di Bankitalia, ma soprattutto tra gli architetti, negli anni ’90, dell’unione monetaria.

In un lungo articolo pubblicato sulla rivista online dell’Iai, Saccomanni definisce il rapporto “un’occasione perduta per corregge la ‘zoppia’ tra una politica monetaria gestita da un organo federale e politiche economiche gestite a livello nazionale in base a regole comuni“.

Ma l’ex ministro va oltre. E scrive che “a ben vedere” il documento “è anche un testo ingannevole, perché dà per scontato che la Ue disponga di tempi lunghi per riformarsi, e fuorviante, perché in realtà continua a subordinare la dimensione comune e sovrannazionale delle politiche e degli strumenti alle priorità e alle responsabilità degli stati nazionali“.

“Per chi ha vissuto la lunga vicenda della unificazione monetaria – osserva ancora Saccomanni – è un testo irritante perché riporta il processo indietro nel tempo al 1989, ai giorni del rapporto del Comitato Delors, se non al 1970, ai giorni del Rapporto Werner”.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -