Belgio: 24enne chiede e ottiene l’eutanasia perché depressa

Ha 24 anni Laura, è fiamminga e non ha una malattia fisica incurabile, ma ha chiesto e ottenuto di morire. “La vita non fa per me”, ha spiegato ai medici che le hanno dato l’ok per l’eutanasia questa estate, in una data ancora da stabilire. Il caso sta scuotendo l’opinione pubblica in Belgio. La legge nazionale sul fine vita prevede che un paziente possa chiedere l’eutanasia anche in caso di “sofferenze psichiche insopportabili”.

Depressa fin dalla scuola materna!!! – Laura, sin dalla scuola materna, nel mezzo di un’infanzia difficile, ha sempre pensato al suicidio: “Vedevo gli altri bambini giocare, e mi chiedevo cosa ci facessi là, non avevo alcuna voglia di vivere”. La ragazza si e’ raccontata al quotidiano “De Morgen”, lasciando testimonianza di un malessere subdolo e onnipresente. “Ho l’aria molto calma ora, ma probabilmente tra poco mi rotolerò per terra dal dolore che m’infliggo, la mia lotta interiore non ha mai fine”.

All’età di 21 anni ha deciso di farsi internare – La giovane donna vive ora alcuni giorni a settimana in un piccolo appartamento, ma dai 21 anni ha chiesto volontariamente di essere internata, un tentativo di guarire da una sofferenza interiore che le ha già fatto infliggersi automutilazioni e tentativi di suicidio. “La mia vita è una lotta quotidiana sin dalla nascita, certi giorni mi trascino letteralmente di secondo in secondo, i miei 24 anni sono stati un’eternità”.

Il punto di svolta arriva in clinica, dove conosce un’altra ragazza, Sarah, con cui riesce finalmente a parlare liberamente della sua vita ma soprattutto della morte. Ed è Sarah a darle l’idea dell’eutanasia, che ha chiesto anche per se stessa. Da allora la prospettiva di una morte certa ha come placato Laura, che dopo il via libera dei tre medici richiesto dalla legge belga, sta organizzando i suoi funerali: “I miei amici e la mia famiglia hanno capito, conoscono la mia storia e sanno che è la soluzione migliore per me”.

Laura: “Tutti i giorni mi chiedo se voglio morire, la risposta è sempre sì” – Come il caso di Laura, ce ne sono in Belgio circa 50 l’anno, pari al 3% di tutte le eutanasie effettuate nel Paese, che lo scorso anno ha legalizzato anche le procedure di fine vita per i bambini. “L’eutanasia resta una decisione violenta, e ogni giorno – ammette la ragazza – mi chiedo: lo voglio veramente?”. Ma, aggiunge subito, “ogni giorno, la risposta è sempre sì”. Perché “l’eutanasia rende la mia morte inevitabile, ma almeno dignitosa”.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -