Wikileaks: Assange chiede asilo alla Francia. Hollande risponde No

Una settimana dopo le ultime rivelazioni sullo spionaggio americano contro i vertici dello Stato francese, il fondatore di Wikileaks, Julian Assange, ha chiesto asilo politico a Parigi in una lettera aperta al presidente Francois Hollande pubblicata da Le Monde.

Ma l’Eliseo ha subito respinto la richiesta.
Non c’e’ “pericolo immediato” per Assange, ha reso noto in un comunicato ripreso da Le Figaro. “Un esame approfondito ha rivelato che la Francia non puo’ dare seguito alla domanda, tenuto conto degli elementi di diritto e della situazione materiale di Assange”, si legge nella nota dell’eliseo.

“La situazione di Assange non presenta alcun pericolo immediato” ed egli e’ “anche oggetto di un mandato d’arresto europeo”.

Il fondatore di Wikileaks, con una lettera aperta, aveva chiesto al presidente Francois Hollande di dargli asilo politico: “La mia vita e’ in pericolo, e la mia integrita’, fisica e psicologica e’, ogni giorno che passa, un po’ piu’ minacciata”, aveva scritto.

“Solo la Francia si trova oggi nella condizione di offrirmi la protezione necessaria contro quelle che sono solo persecuzioni politiche nei miei confronti”, ha sottolineato Assange. “La Francia, accogliendomi – ha aggiunto – compierebbe un gesto umanitario ma anche simbolico, mandando un incoraggiamento a tutti i giornalisti che nel mondo rischiano la vita quotidianamente per permettere ai loro concittadini di fare un passo in piu’ verso la liberta’”.

Poche ore dopo, la ruisposta dell’Eliso: il presidente Francois Hollande ha respinto la richiesta di asilo politico. agi



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -