Raccolte 262mila firme per l’uscita dell’Austria dall’UNIONE EUROPEA

austria

 

di Fabio Lugano

Fonti vicine ai promotori parlano di un grande successo del referendum, con 262 mila firme raccolte, pari al 4% dell’elettorato (il 6% dello stesso non poteva firmare in quanto residente all’estero). Inizieranno ora sondaggi ufficiali sulla materia , su cui vi terremo aggiornati. Scarso spazio sui media su questa notizia, che rischia veramente di spezzare la UE.

In un giorno in cui si parla quasi solo di Grecia, vi è una scadenza IMPORTANTISSIMA per l’Unione Europea. Scadeva oggi il termine per la raccolta di 100 mila firme da parte dei promotori del referendum / legge per l’uscita dell’Austria dall’UNIONE EUROPEA.

Se raggiungeranno i 100 mila voti i promotori han già affermato che, fra le due opzioni offerte dalla costituzione austriaca, referendum o legge di iniziativa popolare, sceglieranno la prima opzione.

La causa di questo movimento di uscita dalla UE, molto forte nel paese d’oltralpe, è da ritrovarsi nel timore di vedere le proprie produzioni piegarsi al TTIP ed alle liberalizzazioni selvagge dal vedere praticamente annullato il proprio attuale benessere diffuso e l’attuale posizione di neutralità quasi assoluta del governo di Vienna.

Il movimento non è appoggiato, attualmente, da nessuna forza politica. Presto sapremo se il quorum è stato raggiunto.

scenarieconomici.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -