Usa: “immigrati criminali e stupratori”, bufera sul candidato Donald Trump

Bufera su Donald Trump, il miliardario americano candidato alle primarie repubblicane per la Casa Bianca nel 2016: abituato alle uscite sopra le righe, il ricchissimo uomo d’affari ha scatenato l’indignazione della comunita’ ispanica, quando – proprio in occasione del lancio della sua candidatura a giugno – ha detto che i migranti clandestini che attraversano la frontiera dal Messico verso gli Usa portano con se’ “un sacco di problemi”, in primis “droga” e “crimine”, e sono anche “stupratori“.

Accuse che ha ribadito in un’intervistato alla Cnn, in cui ha insistito che “se si guardano le statistiche sulla gente che arriva per quanto riguarda stupri, crimini e qualunque cosa che entri illegalmente nel Paese, sono cifre da capogiro“.

donald-trump

Il rilancio di Trump e’ destinato a far infuriare ancor piu’ il mondo ispanico americano, da due settimane sul piede di guerra: le principali emittenti in spagnolo degli Stati Uniti -Univision, la principale, ma anche le altre reti ‘consorelle’, Nbc Universal e Televisa- gli hanno tutte voltato le spalle; e l’indignazione e’ stata tale che uno dei prodotti di maggior successo dell’eclettico miliardario, l’organizzazione del concorso di Miss Universo – che raccoglie le varie Miss Universo, Miss Usa, e Miss Teen Usa – e’ stato boicottato: le tre emittenti hanno tutte rinunciato ai diritti di emissione del concorso.

Ma non solo: uno dopo l’altro, vari Paesi latino-americani hanno cominciato a tirarsi indietro. Bogota’ ha ritirato la sua richiesta di essere sede del concorso; ma prima del governo colombiano, il Messico e anche il Costa Rica avevano gia’ annunciato la rinuncia ad inviare una miss al concorso. E non basta, perche’ sull’onda delle crescenti reazioni a catena, mercoledi’ i grandi magazzini Macy’s hanno deciso di boicottare la linea di abbigliamento con il marchio Donald Trump, non solo abiti, ma anche camicie, cravatte e gemelli. “Siamo a favore della diversita’”, ha fatto sapere l’azienda e le parole di Trump “non sono in linea con i valori di Macy’s”.

Trump, da parte sua, ha scelto le vie legale per rispondere al boicottaggio di Univision. Parlando alla Cnn, ha accusato l’emittente di aver infranto un contratto blindato di 5 anni e ha fatto sapere che presentera’ una richiesta di risarcimento danni per 500 milioni di dollari. agi



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -