Frode fiscale a Prato: Ditta cinese non dichiara 14 milioni di ricavi

Ricavi non contabilizzati e non dichiarati per circa 14 milioni di euro tra il 2010 e il 2014, violazioni in materia di Iva per circa 6 mln e di Irap per altri 500.000 euro: è la frode fiscale scoperta dalla guardia di finanza di Prato indagando su un’azienda tessile pratese riconducibile a un cinese e alla moglie ma gestita negli ultimi 10 anni da prestanome.

Gli accertamenti sono stati condotti dalla polizia tributaria delle fiamme gialle pratesi che hanno denunciato l’orientale.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -