Grecia, Schulz: “L’uscita dall’euro non è prevista dai trattati”

 

 

“Non sappiamo cosa succederà se vince il No perché l’uscita dall’euro non è prevista dai trattati, questo referendum vorrà dire stare o restare nell’euro“. Così il presidente del Parlamento europeo Martin Schulz sul referendum greco di domenica prossima sul pacchetto di misure chieste ad Atene dai creditori internazionali. “Sono pronto ad andare nel paese ellenico e discutere direttamente con il popolo greco“, ha detto poi il tedesco, che ha poi precisato come “il risultato del referendum colpirà non solo i greci ma tutti gli europei“. “Chiediamo di votare Sì, perché questo costituisce una buona base per continuare i negoziati“, ha poi concluso il presidente dell’Europarlamento di Alessio Pisanò



   

 

 

3 Commenti per “Grecia, Schulz: “L’uscita dall’euro non è prevista dai trattati””

  1. Euroburocrate del caspita, se crolla l’europa puoi fare il lavapiatti o il leccac… della Merkel.
    Di questo hai paura: perdere i privilegi se il baraccone europeo sparisce.

  2. Perché forse nei trattati c’è scritto che si possono fare prigionieri, visto che per entrare, nessuno ha votato per farsi violentare da un manipolo di ladri, venduti e cialtroni?

  3. come ti permetti di andare in casa altrui ad imporre le tue richieste di austerita’,queste sono igerenze che siete abituati a fare come in ucraina,avete fomentato un colpo di stato ,ora sono in default e li finanziate senza nammeno le richieste che fate alla grecia.spero che il popolo greco sappia scegliere cio che esso vuole con la dovuta liberta’ senza i vostri luridi ricatti!!! haug ho detto.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -