Profughi scatenati, agenti feriti. Poliziotto con la spalla rotta

 

Venezia -Non è stata una giornata da ricordare in positivo per le forze dell’ordine sul fronte dell’accoglienza dei migranti. Gli arrivi dei profughi infatti si susseguono giorno dopo giorno, con qualche incidente di percorso. Il più grave si è registrato nella questura di Santa Chiara, come denuncia il sindacato di polizia Siulp.

Come riportano i quotidiani locali, uno dei migranti che domenica mattina era stato portato lì per il fotosegnalamento ha cercato di scappare, forse pensando a qualche operazione di polizia di tipo penale. O comunque consapevole che nel caso in cui fosse stato identificato in Italia non avrebbe potuto superare la frontiera.

La sua fuga è durata ben poco, ma una volta raggiunto da uno degli agenti gli avrebbe preso il braccio e l’avrebbe torto. Risultato: l’agente è finito al pronto soccorso e avrebbe riportato la sospetta rottura della cuffia della spalla destra. Un mese di malattia. Martedì è stata indetta un’assemblea del sindacato per chiedere un’organizzazione migliore per gestire il problema che così verrebbe, secondo i rappresentanti degli agenti, scaricato sulle spalle delle forze dell’ordine.

Intanto si scopre che negli scorsi giorni uno dei profughi ospitati in una comunità vicentina, come raccontato dal Gazzettino, si sarebbe reso protagonista di una rapina impropria a Jesolo assieme a un complice. I due avrebbero cercato di rubare la borsetta a una ventenne in un locale della località balneare, ma i loro piani sarebbero saltati per la reazione della giovane, con cui sarebbe scaturita una colluttazione. Intervenuta la polizia, i due sono stati arrestati per rapina impropria e compariranno lunedì davanti al giudice per la convalida. Il presunto profugo (gli accertamenti sono ancora in corso) se verrà acclarato che era effettivamente ospitato come migrante perderà lo status di rifugiato.

Ci sono feriti tra le forze dell’ordine anche sul fronte dei controlli antiabusivismo in centro storico. Una vigilessa infatti è stata travolta da un vu cumprà in piazza San Marco. La donna è caduta a terra riportando una brutta botta al ginocchio. Nel parapiglia anche la camicia della divisa si sarebbe strappata.

veneziatoday.it



   

 

 

1 Commento per “Profughi scatenati, agenti feriti. Poliziotto con la spalla rotta”

  1. dobbiamo accogliere tutti,a me non sta bene,vengono qui già pieni di pretese.vorrei vedere se al loro paese se la prendono con le forze dell’ordine?qui in Italia fare rispettare le leggi per loro è un optional,la mia solidarietà alle forze dell’ordine,sono con voi.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -