Nepal: il Fmi respinge richiesta di condonare parte del debito

La campagna “Jubilee Network”, che unisce 75 organizzazioni e 400 comunita’ religiose in tutto il mondo, ha chiesto al Fondo Monetario Internazionale (FMI) di condonare parte del debito estero del Nepal, colpito dal terribile sisma dell’aprile scorso. Come appreso da Fides, il Fondo Monetario ha ufficialmente dato risposta negativa.

 

terremoto-nepal

La proposta intendeva utilizzare lo speciale “fondo fiduciario” dell’FMI destinato ad aiutare i paesi poveri quando si trovano ad affrontare le calamita’ naturali.
Attraverso quel fondo sono stati condonati in passato quasi 100 milioni di dollari del debito a nazioni dell’Africa occidentale colpite dal virus ebola. “Il diniego del FMI e’ una notizia preoccupante per il Paese”, ha detto all’Agenzia Fides Eric LeCompte, direttore esecutivo della rete “Jubilee Network”.

Il Nepal e’ uno dei 38 paesi a basso reddito che possono beneficiare degli aiuti del nuovo fondo. Per poter beneficiare di tale sostegno dopo un disastro naturale, un paese beneficiario deve soddisfare determinati criteri: il disastro deve colpire almeno un terzo della popolazione del paese e causare un danno produttivo grave all’economia del Paese.

Secondo il FMI, il Nepal, dopo il sisma, soddisfa la la prima condizione ma non la seconda, anche se le stime parlano di 5-10 miliardi di dollari di danni, circa un terzo del totale dell’economia del paese.

Eric LeCompte rimarca che il fondo speciale “e’ stato creato per situazioni proprio come queste”, ricordando che FMI, la Banca Mondiale e Banca dello Sviluppo asiatico detengono circa tre miliardi di dollari del debito estero del Nepal. Il condono di parte del debito permetterebbe di destinare un flusso maggiore di risorse alla ricostruzione e alla ripresa post sisma. “Jubilee USA Network” e’ un’alleanza di oltre 75 organizzazioni e di 400 comunita’ religiose che lavorano con 50 partner mondiali, impegnata a costruire un’economia che tutela e promuove la partecipazione dei piu’ vulnerabili. (AGI) .



   

 

 

1 Commento per “Nepal: il Fmi respinge richiesta di condonare parte del debito”

  1. Gli Stati Uniti sono in bolletta e il FMI dalla sua creazione “rapina soldi” per loro conto, ne consegue che la risposta ricevuta dal Nepal, cera solo d’aspettarsela.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -