Porto di Palermo: Allarme terrorismo: “Ingresso di armi, mancano sistemi di sicurezza”

 

“Al porto di Palermo non ci sono sistemi minimi di sicurezza come metal detector, scanner e un’area sterile adibita al controllo. Si sta sottovalutando l’emergenza terrorismo in una città in cui arrivano abitualmente navi di linea provenienti da Tunisi, con una media di oltre mille sbarchi settimanali”.

 

Palermo_porto

A dirlo sono Lorenzo Geraci segretario generale Cisl Fp Palermo Trapani e Bartolo Vultaggio, responsabile Cisl Fp Palermo Trapani del settore Dogane, che aggiungono: “Da tempo chiediamo alle autorità competenti di intervenire per equiparare gli standard di sicurezza del porto a quelli dell’aeroporto, ma nulla è stato fatto, nonostante i ripetuti richiami alla prevenzione fatti dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella“.

Secondo la Cisl Fp Palermo Trapani, “oggi in teoria potrebbero essere anche trasportate armi e non essere intercettate, a causa dell‘assenza nel porto di Palermo, di metal detector e scanner“. “Non si può continuare – concludono Lorenzo Geraci e Bartolo Vultaggio – a fare affidamento soltanto sulla perizia e sulla professionalità del personale delle Dogane e delle Forze dell’ordine che operano all’interno dell’area portuale, i primi a rischiare fra l’altro. Devono essere installati immediatamente i metal detector e gli scanner e deve essere realizzata l’area marittima adibita a controlli da effettuare in ambiente sterile, per le navi provenienti da ‘No Schengen countries”.

palermotoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -