Londra, “sventato attacco Isis”. Francia: “ci saranno altri attentati”

L’unita’ anti-terrorismo di Scotland Yard ha sventato un attentato terroristico contro una parata nel giorno delle forze armate a Merton, quartiere sud-occidentale di Londra.

 

polizia-londra

Il piano, rivela il taboid ‘The Sun’ che ha giocato un ruolo attivo nello smascherare il piano, prevedeva l’esplosione di un ordigno rudimentale ma letale formato da una pentola a pressione (la stessa bomba usato alla maratona di Boston del 15 aprile 2013) imbottita di esplosivo, chiodi e cuscinetti a sfera, da trasformare al momento della deflagrazione in proiettili letali. L’obiettivo era uccidere il numero piu’ alto possibile di soldati e civili presenti alla parata per la ricorrenza, il 27 giugno, del giorno delle forze armate, (il IV novembre britannico).

In particolare era previsto che la bomba esplodesse il piu’ possibile vicino all’esatto punto di Londra in cui venne decapitato il caporale Lee Rigby il 22 maggio del 2013 da due uomini di origine nigeriana. I fucilieri del reggimento di Rigby sono tra le truppe che oggi parteciperanno alla parata.

Il tabloid di Rupert Murdoch, il giornale piu’ venduto nel Regno Unito, sostiene di aver giocato un ruolo attivo nello sventare l’attentato perche’ il capo dell’unita’ di hacker di Isis in Siria, a sua insaputa, ha reclutato online uno dei suoi investigatori sotto copertura per effettuare l’attentato.

L’operativo di Isis, Junaid Hussain, scappato dal Regno Unito in Siria, “ha addestrato il nostro uomo a costruire la bomba ma noi abbiamo avvertito la polizia”, scrive il Sun nell’edizione tra qualche ora in edicola. Hussain e’ uomo noto alla polizia: arrestato nel 2012 per aver violato le mail dell’ex premier Tony Blair, ha lasciato Birmingham l’anno dopo alla volta della Siria dove ora si fa chiamare Abu Hussain al Britani (il suffisso e’ comune a tutti i foreign fightesr provieneit dal Regno Unito).
Hussain, prosegue il Sun, “ha contatto il nostro uomo il primo giugno chiedendogli cripticamente attraverso il servizio ‘Kik messaging’ di ‘fare qualcosa li (a Londra)’ promettendogli un ‘facile biglietto d’ingresso’ al jannah (paradiso). Quattro giorni dopo abbiamo risposto vagamente che “avremmo fatto il lavoro per Allah” e lui ha ordinato di spostare le comunicazioni su un altro sistema di messaggi criptati, ‘surespot’, usato da Isis”. A quel punto il Sun ricostruisce come Hussain abbia istruito progressivamente l’uomo per acquisire le sostanze necessarie per costruire la bomba per colpire a Londra, definita “il cuore dell’esercito crociato”.

L’investigatore continua a ricevere istruzioni, tra cui il diagramma in nove pagine in inglese per costruire l’ordigno da celare poi dentro uno zaino e solo alla fine gli ha indicato di colpite “il 27 giugno alla parata delle forze armate a Wollwich (a Merton)” inviando anche la mappa del percorso della parata.
A quel punto e’ intervenuta Scotland Yard, costantemente informata dal Sun.

FRANCIA – La Francia, invece, deve imparare a convivere con la minaccia costante di attentati terroristici, azione di singoli come quello di ieri vicino a Lione o come le stragi di Parigi di gennaio. Ne e’ convinto il premier Manuel Valls: “E’ difficile per una societa’ vivere per anni sotto la minaccia di un attacco. Ma ormai la domanda non e’… se ci sara’ un altro attacco, ma quando” questo avverra’. agi



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -