Lione, il terrorista si incontrava con uomini vestiti in tuta militare

Non parla, si rifiuta di rispondere agli inquirenti Yassin Salhi, l’uomo fermato dopo l’attacco all’azienda di gas di Saint-Quentin-Fallaviern, nell’Isere, principale imputato nella decapitazione del suo padrone di lavoro, il 54enne Herve’ Cornara e ora guardato a vista.

lione-attentato2

Il 35enne marito e padre di tre figli di eta’ compresa tra i 6 e i 9 anni e’ descritto dai vicini di casa, a Saint-Priest, periferia di Lione, come un uomo discreto, che non dava confidenza. “I suoi bambini giocavano con i miei, una famiglia normale”, racconta una donna ai giornalisti. E un altro vicino confida di non averlo mai visto nella moschea di Saint-Priest.

Musulmano, Yassin, autista per un’azienda di consegne, non aveva precedenti penali ma era stato oggetto di due informative dei servizi nel 2013 e nel 2014, che lo reputava tra gli individui che potenzialmente potevano minacciare la sicurezza nazionale.
In questi documenti, afferma la radio francese Rtl, erano sottolineate le figure di Yassin e di due suoi amici, classificati come “musulmani hard” che volevano creare un istituto islamico a Besancon, dove il 35enne viveva prima di trasferirsi nel sobborgo di Lione.

Nelle segnalazioni dei servizi, allertati anche per la sua vicinanza con il movimento salafita, inoltre risultano indizi di radicalizzazione di Yassin, le sue “assenze regolari e per lunghi periodi di circa 2-3 mesi senza dire dove andava”.

Sempre quando viveva a Besancon si riuniva a casa sua con altri uomini vestiti in tuta militare e nelle loro conversazioni, a volte effettuate sul pianerottolo di casa, vi erano riferimenti alla jihad e al Mali.

E nelle informative anche il “brutale” cambiamento fisico di Yassin che aveva perso peso e si era rasato la barba. Yassin era stato quindi inserito nella lista delle persone da sorvegliare ma dopo un anno dalle segnalazioni, per Yassin nessuna sorveglianza rafforzata.
Ora gli inquirenti si interrogano se Yassin sia un “lupo solitario” o se fa parte di un gruppo di estremisti. Secondo alcuni testimoni, nell’auto guidata da Yassin erano presenti due o tre persone. (AGI) .

lione-attentato



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -